Press "Enter" to skip to content

ABOUT

(Piacenza, 1987)

Autodidatta di formazione, sperimenta diversi mezzi espressivi fra cui anche la pittura, fino a scegliere di concentrarsi pressoché esclusivamente sulla tecnica della cartapesta a partire dagli inizi del 2012. Nella prima parte della sua produzione (la serie dei “verba volant scripta…”) l’autrice costruisce attraverso animali di parole un ironico discorso sull’idea di effimero, transitorio e mutevole al quale la componente verbale nel suo valore umano è assolutamente riconducibile. Raggiunge nel tempo risultati più minuziosi e raffinati eliminando le parti testuali dei quotidiani dalle coperture dei pezzi, allo scopo di ottenere superfici più lievi, come epidermici giochi di colore per mezzo di accordi cromatici tra le carte.

Attualmente il lavoro dell‘artista, pur restando a tutti gli effetti scultoreo, tende all’installazione soprattutto in termini espositivi, costruendo un dialogo tra opere e oggetti sulla base del registro dell’incongruenza o dell’associazione di idee. Le scelte quasi “automatiche” degli oggetti infatti sovente conducono ad un travisamento della loro convenzionale destinazione d’uso, ottenendo tra questi e il soggetto animale una relazione oscillante tra il reciproco imbarazzo e una galante ironia.

Ha realizzato mostre personali e collettive e ha partecipato a fiere in Italia. Sue opere fanno parte di collezioni private in Italia, Austria e Venezuela.
Vive e lavora a Podenzano (PC)

 

(Piacenza, 1987)

Self-taught artist, she experienced various means of expression amongst which painting. As of the beginning of 2012, she focused upon papier-mâché. During the first part of her production (the series “verba volant scripta…”), she developed, by using animal speech, an ironic dialogue illustrating the evanescent, temporary and changing link with the human values of oral tradition. She was able to reach results that are even more refined by removing texts from papers, in order to obtain lighter surfaces, and create chromatic counterparts among different kinds of paper. Nowadays her work –even though still sculptural- is oriented towards installations, which create, between her works and objects, a dialogue focused upon inconsistency and association of ideas. The almost immediate choice of the objects often lead to a misinterpretation of their common function, thus generating awkwardness and irony between them and animals. She took part in solo and group exhibitions and art fairs in Italy. Her works belong to private collections in Italy, Austria and Venezuela.
She lives and works in Podenzano (PC).